Eurocommercial

Alto rendimento in un settore sempre più in discussione, il prezzo cala ma il dividendo è in crescita, chi ha ragione?

 EXECUTIVE SOMMARY

. Azienda

. Concorrenti

. Analisi del dividendo

. Quotazione

. Momentum

. Commento

. MyDividend Rating

 AZIENDA

Eurocommercial ha investito in una varietà di paesi, tra cui la Francia, dove la Società ha effettuato il suo primo investimento nel 1992 con l’acquisizione del centro commerciale Les Atlantes a Tours. Nel 1994 Eurocommercial acquista Curno a Bergamo, segnando la sua prima acquisizione in Italia. Eurocommercial è entrato nel mercato svedese nel 2001. Recentemente è rientrato nel mercato belga nel 2018 con l’acquisto del centro commerciale Woluwe.

La Società è ora uno degli investitori immobiliari più esperti in Europa con un portafoglio di centri commerciali di € 4,2 miliardi.

 CONCORRENTI

I principali concorrenti di Eurocommercial ( ECMPA ) sono:

  • Unibail Rodamco – URW
  • Atrium European R.E. – ATRS
  • Nepi R. – NRP
  • Wereldhave – WHA 
 

 DIVIDENDO

Il dividendo ad oggi è superiore all’ 8% Lordo circa.
La società distribuisce il dividendo da 26 anni 

 QUOTAZIONE

Il prezzo attuale si trova vicino ai minimi degli ultimi 6 anni e si avvicina ai minimi storici.

 MOMENTUM

Grafico settimanale .
In base alla analisi tecnica tradizionale l’RSI e il MACD si trovano nella parte bassa dell’indicatore indicando un momento di particolare debolezza del titolo, gli indicatori sembrano pronti a segnalare un inversione di tendenza, ma occorre sempre attendere un segnale chiaro e non anticipare.

 COMMENTO

In questi ultimi giorni, stavo considerando l’acquisto di un titolo concorrente di Eurocommercial e per comprendere meglio il settore di riferimento sto finendo per valutare se sia il caso di acquistare proprio di ECMPA.

Come tutti sappiamo ormai da oltre 20 anni nei pressi dei grossi centri abitati sono sorti i grossi complessi commerciali, sulla copia di quanto avviene in altri paesi nord Americani, le nostre abitudini di shopping si sono spostate dal negozietto al dettaglio al grosso complesso in cui tutto di può trovare dai prodotti di prima necessità, a servizi di ristorazione o intrattenimento per finire con il semplice passeggiare per ritrovarsi a gustare un gelato o un caffè in compagnia, sostituendo così le vecchie piazze.

Eurocommercial come avrete intuito e letto sopra, è una società proprietaria di immobili commerciali situati nei maggiori centri in quattro paesi Europei differenti, 

ecco il loro portafoglio:

 

Notiamo dunque una buona diversificazione per paese, posso dirvi che un paio di queste proprietà le conosco personalmente, il che può essere un vantaggio per tastare dal vivo il grado di “traffico” presente. 

Ebbene si, Eurocommercial affittando i suoi spazi commerciali ha necessità che il maggior numero di persone venga a visitare i suoi centri e possibilmente spendere i loro soldi nei negozi presenti, ma se come accennavo prima ora la tendenza è questa quindi… tutti felici e contenti? e no.. 

Osservando il grafico del prezzo che ho inserito poco sopra avete sicuramente notato le quotazioni del titolo che si stanno avvicinando ai minimi storici, e questo ha attirato la mia attenzione, a dire il vero.. la mia attenzione è già sul settore da parecchio tempo, però effettivamente Eurocommercial è solo di recente che la seguo e potrebbe rappresentare ora una opportunità.

Analizziamo i principali indicatori economici per capire tramite i numeri cosa sta succedendo:

in questo specchietto, tratto dall’ultima presentazione disponibile sul loro sito, si legge chiaramente che i numeri sono positivi. 

Abbiamo inoltre che:

Like-for-like rental growth = +1.5% (France +0.2%; Italy +1.7%; Sweden +3.3%)
Relettings and renewals = +9.6% (France +7.7%; Italy +11.3%; Sweden +7.4%)
Retail sales (12 months) = (France -2.8%; Italy +1.0%; Sweden +0.7%)
Average occupancy cost ratio = 8.4% (France 9.0%; Italy 8.2%; Sweden 8.1%)
Vacancies = 0.9% of rental income
Arrears = 0.5% of rental income

Solo un lieve calo delle vendite nel retail in Francia, per il resto mi pare che tutto cresca in base alle aspettative.

Ecco alcuni punti di forza che sottolinea la società:

 

 

IL MAGGIORE RISCHIO

Perchè dunque le quotazioni della società sono in calo? Il dividendo è in rialzo e la crescita continua eppure qualcosa preoccupa gli investitori.

Ma si il fatto è sempre quello che accomuna tutti i titoli del settore, cioè le tendenze di acquisti si stanno spostando di nuovo, dai negozi sotto casa ai centri commerciali si passa ora all’acquisto e-commerce e qui Amazon fa la voce grossa.

Ancora una volta tutto il settore è percepito come in imminente rischio di scomparsa a beneficio di questa nuova tendenza di acquisto da casa che ovviamente sottrae traffico al centro commerciale che quindi non può chiedere affitti adeguati o maggiori ai suoi affittuari rischiando quindi di ritrovarsi sempre più spazi chiusi.

 

 

CONCLUSIONE

Uno di questi sei aspetti riportati sopra ritengo sia la chiave per valutare correttamente i titoli di questo tipo cioè l’esposizione in strutture premium, questo perchè sono convinto che i centri commerciali di alta qualità potranno reggere meglio il calo delle vendite che in futuro si sposteranno online sopperendo le minori entrate nel retail con l’offerta di spazi commerciali ad affittuari che operano in settori poco colpiti dall’ e-commerce che cercano location di qualità.

Ci troviamo quindi in quella strana situazione in cui il titolo può essere definito value se effettivamente ha del valore intrinseco per cui il mercato sta esagerando nel considerare Amazon l’ammazza centri commerciali, perchè ci sono servizi e acquisti per i quali ancora occorre la presenza dell’uomo, a sostegno di questa tesi abbiamo l’incremento dei dividendi e i fondamentali positivi.
Oppure il titolo è una “bull trap” cioè una trappola per chi ha una visione ottimistica di lungo termine e minimizza quindi le nuovo tendenze di acquisto, se tutti vendono d’altronde un motivo ci sarà…

 

C’è da sottolineare che il rendimento è veramente interessante perchè pochi titoli possono permettersi di ritornare all’investitore una importo superiore all’ 8%, seppur nel nostro caso tassato al 48% come potete vedere nello specchietto disponibile sul sito nella sezione fiscalità, essendo una società Olandese.

Il mio consiglio è sempre quello di diminuire l’esposizione in base all’aumento della rendita, quindi nel caso vi possa interessare inserire questo titolo nella vostra “dividend machine” valutate correttamente la size.

 MYDIVIDEND RATING

Eurocommercial ottiene un punteggio di 6.67/10

Il punteggio indica un HOLD .
Il punteggio ottenuto mi pare corretto anche se non ho avuto a disposizione tutti i dati necessari per ottenerlo, i 3 punti del dividendo andrebbero pesati con l’alta tassazione . 

Di sotto riporto l’elenco dei punti negativi e positivi del rating da noi calcolato.

3 PUNTI: Yield

2 PUNTI: 52w low, P/B

1 PUNTO: Debt/Equity, DGR5, Margin, DDM

0 PUNTI: Quick Ratio, P/E, DGR

Per maggiori informazioni su come si compone il mydividend rating si rimanda alla specifica pagina del sito. clicca qui

 COMMUNITY

Vuoi sapere se questo titolo è presente nel MyDividend Portfolio ? CLICCA QUI

Disclaimer: Ho scritto questo articolo da solo, ed esprime le mie opinioni. Non sto ricevendo un compenso per questo . Non ho alcuna relazione commerciale con alcuna società le cui azioni sono menzionate in questo articolo. Clicca qui per visionare il disclaimer completo di MyDividend

Qui sotto puoi esprimere il tuo giudizio sul titolo . Vota e guarda il parere della community!

Rating: 6.0/10. From 1 vote. Show votes.
Please wait...
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Lorenzo Pirisino
Editor

Secondo me Unibail è messa meglio come qualità di immobili, anche se il dividendo è piu basso. Reit Commerciale EU ancora dovrebbe stare a galla dato che la internet revolution qui ancora non è esplosa come negli States, ma ce da valutare la possibile crisi/raffreddamento dell’economia che potrebbe arrivare a breve….