50 Titoli che non tagliano il dividendo da 10 anni !

Ecco le 50 società di famiglia che da 10 anni non tagliano il dividendo

 

Articolo pubblicato dal Sole 24 ore qui .

Gran bel elenco di società con storia di pagamenti decennale, e con una quota rilevante ancora in mano alla Famiglia di appartenenza. 

Ottimo paniere da cui possibile “pescare” qualche società per iniziare un analisi approfondita che, chissà ci possa un giorno permettere di acquistare qualche titolo e diventarne così azionista!

Dal 2007 la performance di queste aziende quotate nei vari listini globali (includendo anche i dividendi distribuiti agli azionisti) ha nettamente superato l’andamento delle Borse

di Vito Lops

 

Le società che vedono la famiglia fondatrice ancora fortemente presente nell’azionariato vanno meglio rispetto alla media del mercato. L’ “indice family owned” – elaborato dalla casa di investimento svizzera Lapis asset management – dal 2007 a settembre 2019 ha guadagnato il 238% (includendo anche i dividendi reinvestiti) rispetto al pari indice Msci world gross domestic che (anch’esso includendo i dividendi reinvestiti) nel frattempo ha “solo” raddoppiato il valore iniziale.

«Abbiamo selezionato per un nuovo fondo società che abbiano una capitalizzazione di Borsa di almeno 5 miliardi, che distribuiscano il dividendo ininterrottamente da almeno 10 anni senza averlo mai tagliato (costante o in crescita) e soprattutto le cui azioni siano almeno per il 20% ancora nelle mani della famiglia fondatrice – spiega Andreas Wüeger, gestore Fondi azionari di Valeur asset management -. Questo fattore legato all’essere ancora un “family business” è particolarmente interessante perché tende ad assicurare che il dividendo verrà pagato anche in futuro; è infatti evidente che per la famiglia il flusso di dividendi rappresenta una fonte di reddito importante».

La classifica è dominata da società statunitensi (11) e cinesi (11, con sede ad Hong Kong). Al terzo posto grandi gruppi svizzeri (6) fra cui Roche e Garmin. L’Eurozona è rappresentata da Francia (4), Germania (2) e Spagna (1). Il Giappone conta 3 aziende che hanno superato i filtri di questa speciale graduatoria.

Tra i settori, quello dei consumi, tra alimentari e vari, è nettamente al primo posto con una ventina di colossi (dalla svedese dell’abbigliamento Hennes & Mauritz alla tedesca Henkel). Molto presente anche il settore finanziario (con sei grandi gruppi, dalla britannica Schroeder all’americana Franklin Resources). Non manca poi il settore delle utilities (4), società che hanno nel Dna quella della distribuzione del dividendo agli azionisti. Così come società attiva nel real estate, per lo più di estrazione cinese (come Sino Land).

Nell’elenco società le cui azioni siano almeno per il 20% ancora nelle mani della famiglia
 
 

Lascia un tuo commento...

Please Login to comment
  Subscribe  
Notificami