PIR: Via libera in commissione alle modifiche!

PIR: Via libera in commissione alle modifiche!

 

Un piccolo passo avanti nella modifica ai PIR come accennato nel precedente articolo sul questo strumento di risparmio che consente di non versare le tasse sui dividendi italiani e in parte esteri.

In attesa che vengano approvate le modifiche in via definitiva vi riporto un testo di Assogestioni , pubblicato su ftaonline.com.

Via libera in commissione Finanze alla Camera al rilancio dei Pir. Come riportato da organi di stampa, le modifiche sono confluite in un emendamento al decreto fiscale approvato all´unanimità nella serata di lunedì 25 novembre, che esclude il venture capital dagli investimenti consentiti e sintetizza proposte provenienti da diverse parti politiche per far confluire risorse verso le Pmi.
 
La modifica prevede la sostituzione dei due vincoli, di almeno il 3,5% degli investimenti da destinare a società quotate sull´Aim e dell´altro 3,5% al venture capital, con un unico obbligo di riserva del 5% del valore complessivo dello strumento in società di medio-piccola capitalizzazione, “diverse da quelle inserite nell´indice Ftse Mib e Ftse Mid cap della Borsa Italiana o in indici equivalenti in altri mercati regolamentati”, si legge nel testo dell´emendamento riformulato dalla maggioranza di governo prima dell´approvazione.
 
Assogestioni giudica positivamente l´emendamento sui Pir, sebbene le misure potrebbero ancora essere soggette a cambiamenti durante la discussione parlamentare.”L´industria del risparmio gestito accoglie con grande favore l´approvazione dell´emendamento al DL Fisco che rimuove le limitazioni ai Piani individuali di risparmio introdotte dalla legge di Bilancio dello scorso anno”, commenta Fabio Galli, direttore generale di Assogestioni.”In attesa dei successivi sviluppi parlamentari”, prosegue Galli, “questo passaggio rappresenta un segnale molto apprezzabile di collaborazione tra le forze politiche ai fini del rilancio di un meccanismo fondamentale di incentivo del risparmio di lungo termine delle famiglie verso l´economia reale del Paese”.
 
La proposta approvata alla Camera “risulta in linea con i profili di liquidità dei Pir costituiti in fondi aperti”, rileva Alessandro Rota, direttore dell´ufficio studi di Assogestioni, in merito all´intervento correttivo.”Se approvata in via definitiva anche in Senato, la norma va nella giusta direzione per la ripresa di un mercato che si era bruscamente fermato nel 2019″, sottolinea Rota.
 
La riforma rimuove anche il vincolo di unicità per gli investimenti in Pir da parte di casse e fondi pensione.”Apprezziamo che sia stata risolta in sede normativa una questione più volte sollevata in via interpretativa da Assogestioni, ossia l´inapplicabilità ai fondi pensione e alle casse di previdenza del principio di unicità del Pir” commenta Arianna Immacolato, direttore del settore fiscale di Assogestioni. “Questo consente di aumentare le possibilità di investimento di questi soggetti nei Piani individuali di risparmio, sempre nel limite del 10% dell´attivo patrimoniale”, precisa Immacolato.